Archivi tag: mostri

Scossa

debole tragitto percorri avulso in vaghe liti di nessun contegno come una moda senza ritegno ove lasciasti tracimare impulso da mendace nel biasimo insulso immaginando di tessere segno per placare colpe in sereno pegno tremasti spostando il corpo convulso nei … Continua a leggere

Pubblicato in Ambra, La lingua segreta dei testi, Poesia | Contrassegnato , , , , , , , , | 19 commenti

Ho incontrato

Ho incontrato Speranza di una madre per i figli Pesca che cade, matura, tra le zolle Un uomo che presto sarà ucciso in una qualsiasi parte del mondo Neve sciolta da tempo Acqua ferma Uovo che cadrà sul pavimento Un … Continua a leggere

Pubblicato in Crescite, Poesia, Sala d'aspetto | Contrassegnato , , , , , , | 21 commenti

Alterchi

Come se dentro di me urlasse un tale distante da questo corpo che piange nel sorso di un tempo che più non tange Attendo pavido il morso letale del viscido detrattore che infrange ogni regola per questo fatale improvvido cupo … Continua a leggere

Pubblicato in Memorie digitali, Poesia | Contrassegnato , , , , , , | 19 commenti

Vortice

Pubblicato in Intarsi, Notturni, Poesia | Contrassegnato , , , , , , , | 8 commenti

Tenebre

Non foss’altro che naufragano gesti tra le mescite dei vicoli tra la forza delle notti che colora di sangue capillari oculari e di ocra i resti di vomiti prosciugati M’aggrappo ai fumi per gettare l’inedia in sporche origini come il … Continua a leggere

Pubblicato in Ambra, La lingua segreta dei testi, Poesia | Contrassegnato , , , , , , | 17 commenti

Primo amore (1967)

Aggrappato a vaghi percorsi da elaborare quando la città sfumava allo sguardo e si univa a qualcosa che non ricordo bene, qualcosa di differente. Forse uno spazio vuoto, di verde abbandonato, periferia, dove adesso sorge un palazzo. Non so. Forse … Continua a leggere

Pubblicato in La velocità del freno, Reminiscenze siderali | Contrassegnato , , , , | 17 commenti

I giorni del silenzio (2018)

  Mi sento come immerso nel liquido temporale dove i secondi corrono lenti e gli anni si depositano rapidi in un limo dove i piedi potrebbero affondare. Attimi volteggianti come ippocampi che nuotano intorno e trovano sostegno al mio corpo … Continua a leggere

Pubblicato in La velocità del freno, Reminiscenze siderali | Contrassegnato , , , , , | 50 commenti