Archivi tag: cascate

Inerzia

pulsa nel falso orizzonte perlato traccia evidente di vita passata frusci di niente che corrono invano limpidi pianti forgiati una sera quando un tuo cenno per sbaglio calasti sotto una luna che ancora ti osserva lacrime lucide assorte in un … Continua a leggere

Pubblicato in Memorie digitali, Poesia | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 23 commenti

Nuvole bianche

perdereste memorie di vecchie caselle costrette a comprendere forme mirate non so quelle forme che perdono vita quei segni che tolgono forze pendenti collane persino da vivere falsi monili cercati negli anni perduti in un angolo dove l’amore non è … Continua a leggere

Pubblicato in Memorie digitali, Poesia | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 47 commenti

Scossa

debole tragitto percorri avulso in vaghe liti di nessun contegno come una moda senza ritegno ove lasciasti tracimare impulso da mendace nel biasimo insulso immaginando di tessere segno per placare colpe in sereno pegno tremasti spostando il corpo convulso nei … Continua a leggere

Pubblicato in Ambra, La lingua segreta dei testi, Poesia | Contrassegnato , , , , , , , , | 49 commenti

La velocità del freno (1969)

Quando ancora le estati profumavano di estate. L’aria della sera respirata da giovani polmoni odorava nelle efficaci narici emanando un sapore di ossigeno puro, come un aroma inebriante che restituisce nitido il senso di un tempo lontano, svanito come immagine, … Continua a leggere

Pubblicato in La velocità del freno, Reminiscenze siderali | Contrassegnato , , , , , | 29 commenti

Romperà la tv? (2005)

I cavi dovevano essere installati. Due giorni prima avevo fissato su una parete un trasformatore per lampade a led, di forma circolare e di un orribile grigio cenere. Serviva a ridurre la tensione da duecentoventi a dodici volt per collegare … Continua a leggere

Pubblicato in La velocità del freno, Reminiscenze siderali | Contrassegnato , , , , | 10 commenti

Senza indizi

Col tempo imparerò a scordarmi dei movimenti impercettibili, come un sapore nascosto nel corpo di un cibo, assumibile mentalmente solo da persone esperte. E quando sarai arrivata la mattina nella camera per portarmi i sorrisi della veglia, andrò fiero del … Continua a leggere

Pubblicato in Arenandomi nei gamberi, Racconti | Contrassegnato , , | 2 commenti