Commiato

Non posso sentire per ora
quel pianto dimesso che fugge
in silenzi di pace distante
a cercare una pausa al respiro
che soffre la cappa di pece
colata sui sogni e i sorrisi

Lo so che è inutile stare
a marcire nel flusso
Qui pare una sorte in attesa
Intanto ti tocca a vedere
i tuoi cari morire
Questa voce è stata pubblicata in Ai lati dell'occhio, Al di sopra del bianco, Poesia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Commiato

  1. quel rapporto vita/morte che è indissolubile sostanza dell’essere… ne ho scritto anch’io ieri… un ABBRACCIO forte e solidale dinanzi ai tuoi versi belli e tristi

  2. silviadeangelis40d ha detto:

    Quei dolori acuti, che non lasciano tregua e sanno accentuare, con la loro intensità, uno dei lati peggiori della nostra vita….
    Un caro saluto, Luciano,silvia

  3. Daniela ha detto:

    una delle tappe più dolorose della vita, si fatica ad allinearsi al pensiero che tutto è impermanente quando ci sono affetto e amore. un abbraccio forte caro Luciano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.