Freccia

Non penso alla fine dei tempi
soltanto per voce mia spenta
purtroppo non so cosa sia
l’eterno che scende nel nulla
ma vedo nel freddo infinito
di questa stagione
la freccia neolitica ancora presente
compresa in un arco di morte
fiorente tra i puri fra ladri e assassini
perfino tra i santi
persino nel ritmo di queste futili frasi
Questa voce è stata pubblicata in Ai lati dell'occhio, Al di sopra del bianco, Poesia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Freccia

  1. l’eterno ritorno dell’eguale… 🙂

  2. almerighi ha detto:

    L’uguale si specchia con rivalità, ma deve riuscire a prlarsi, poesie onesta e bellissima

  3. silviadeangelis40d ha detto:

    Pulsioni antiche, sempre presenti nell’umanità, restia a cambiare….
    Sempre bello leggerti, sereno giorno Luciano,silvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.