Le soglie dei giovani

Splende ancora illeso lampo
laggiù a ovest del firmamento
se nel frattempo scrutando
alte nubi rosse tuttora
cinte in un sorriso di pioggia
Niente è perso tra le acque
e i reflui fetori dell’agio
ove s’annidano maleolenti corpi

Sono pensieri di un tempo
quando ancora le rughe
veleggiavano nei sogni
sulla pelle di vecchi lontani
giunti ai bordi dell’infinito
vissuto come divertente

E adesso che le dita
scivolano tremolanti
lungo i binari della fronte
e gli occhi sfuggono in basso
adesso gli sbiaditi antenati
nell’etere dell’evo…
e tu giunto nell’ora temuta
senescente salti nei lazzi cortesi
per chi ti vede oltre
le soglie dei giovani

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Bolla d'Eridano, Poesia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Le soglie dei giovani

  1. silviadeangelis40d ha detto:

    Pensieri del profondo che cambiano, nel tempo che va, e si assottogliano sempre
    più nell’ultima parte della vita, quando si è additati, dal prossimo, come facenti parte
    d’una schiera, ormai, al di fuori della gioventù…
    Versi di grande realtà, molto apprezzzati
    Buon fine settimana e un caro saluto, luxor,silvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...