La mia fata

Mi sento come se vagassero altri
Oscillando di lato in sponda inciampo
tra zolle ed erbe di simile stampo
Dentro di me odo certi ronzii scaltri

quasi vagiti smarriti nel lampo
di bimbi annunciati da lisci nastri
perduti nel freddo dei ghiacci lustri
Non capisco chiedo stretto dal crampo

mi stupisco del procedere vano
ed ieri quella casa era di là
non c’era la vecchia con la sua occhiata

Ora una donna mi porge la mano
mi prende mi bacia ma chi sarà?
Un sospiro giura sia la mia fata

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Bolla d'Eridano, Poesia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La mia fata

  1. silviadeangelis40d ha detto:

    Momenti difficili, in cui un’improvvisa ondata di cose buone, rasserena il profondo,
    riportandolo a un piacevole equilibrio….
    Ho gradito molto leggerti, felice sera e un sorriso, luxor,silvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...