Sui tempi dei grandi

Dov’era allora il tempo e i languidi occhi
di quali volti tristi erano i fiori
sorridevano i cieli le arie ai fiocchi
sugli usci sempre allegri nei colori

Sognavano il futuro nei tarocchi
le madri afflitte da mille dolori
giocavano felici coi balocchi
i figli recitando come attori

Anche la pioggia cadeva leggera
sui luoghi antichi e dov’erano i tempi
sempre tristi dei grandi nella nera

notte e le case fra i grani dei campi
Tanti sorrisi alcuni pianti e a sera
una goccia cadeva per i lampi

Questa voce è stata pubblicata in Corpi estranei, Poesia, Prima voce e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Sui tempi dei grandi

  1. lamelabella ha detto:

    Quanti anni? espressi e parlati in conoscenza bella, esposta… struggente

  2. Daniela ha detto:

    Cartoline ingiallite dal tempo che conservano e suscitano in noi ricordi radicati. L’ho apprezzata molto Luxor,ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.