Dipinto

Sto in un quadro di Leonardo da Vinci
Terza sala a destra del Louvre a Parigi
Cent’anni che hanno dipinto i miei cenci
E di Francia ero il Re detto Luigi

Donne gaudenti, arie allegre e mai sazie
che defloravo fra trine e broccati
mi stordivano con le loro grazie
mi estasiavano con modi educati

Ero un re, ora son qui, messo in mostra
osservato, ammirato da mille occhi
appeso al muro dietro una balaustra
Quanti stupidi perditempo e sciocchi

che s’infiammano davanti a una crosta
invece di amarsi in sala e peccare
Una giovanetta dall’aria mesta.
No! Impediranno anche a lei di palpare!

Questa voce è stata pubblicata in Bagatelle, Corpi estranei, Poesia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

49 risposte a Dipinto

  1. LuxOr ha detto:

    Ovviamente vi sono molte inesattezze: mi pare che Leonardo non abbia mai dipinto un quadro del Re e il dipinto non può essere stato dipinto cento anni fa. Quando l’ho composta, molti anni fa (stavolta rivelo anche la data e così scoprirete che non sono un giovinetto, nel 1990) pensavo a divertirmi, la poesia infatti è inserita nella raccolta “Bagatelle”, e ciò che contava per me era il rispetto della metrica e delle rime (tra l’altro alcuni endecasillabi sono endecasillabi per modo di dire) 🙂

    • erospea ha detto:

      Con la metrica sei sempre bravissimo, e stavolta è pure mascherata, nel senso che risulta ‘leggera’, non appesantisce il componimento (rischio che, talvolta, pure possiamo correre riaspetto agli schemi) Ma col Tempo stai ‘appiccicato’, come si dice dalle mie parti. (cioè ci litighi). Mi spiego (non alludo al sonoro dei versi): che sei vecchiariello non avevo dubbi, ah ah; ma dire che nel ’90 scrivevi… è come dire che sono vecchia pure io o altri miei coetanei, o qualcuno, addirittura, più piccino di me!
      Per il resto: stavo per farti la domanda “a quale dipinto ti riferisci”, ma ho trovato la risposta già qui su, nel tuo commento. Insomma: ti sei divertito in questo componimento con l’immaginazione, eh eh. Lo prendo come antenato de Il cavaliere azzurro! Il divertimento che ci hai messo nello scriverlo mi arriva simile. Magari è una tua anticipazione su come potrebbe andare la quarta parte, quella dopo la stasi ;P
      Ho fatto un commento un po’ fuori corda rispetto al mio solito, forse. Mi pare d’aver detto nulla. Non mi rileggo, al solito 🙂
      buona notte, LuxOr
      alla prossima

      • LuxOr ha detto:

        Sei molto gentile per il “bravissimo”, ma ricordo che all’epoca questa poesia “sgorgò” in un attimo e non sono riuscito a limarla. Decisi di lasciar perdere. Be’ in effetti dal 1990 sono trascorsi molti anni, cioè di sicuro ne ho più di venticinque 😉 In quel periodo ne scrissi altre (una tra l’altro “La scarpa” è sul blog da un po’ di tempo) ma nessuna raggiunge l’apice del piacere che provai a scrivere la presente. La terza parte del cavaliere sta diventando un’odissea: troppo troppo lunga e noiosa e non so come uscirne. La verità è che ho voluto strafare e adesso ne pago le conseguenze. Grazie per il bellissimo commento. Buonanotte, Dora.

  2. Franz ha detto:

    Un Re che gaudente era ed ora è “incrostato” un dipinto che non esiste…pare un viaggio nel temo, una divertita fantasia mascalzona e scugnizza con il richiamo ai sensi di contro allo sguardo “passivo”…mi ha divertito un mondo!

  3. lilasmile ha detto:

    Audace! Anche a me ha divertito un mondo …ma che vuol dire che non sei un giovanetto se scrivevi nel 1990? Io ho iniziato a scrivere a quindici, sedici anni e che ti devo dire…non mi ritengo poi così vecchietta…

  4. erospea ha detto:

    Non avevo visto, Lila, che avevi già fatto notare tu a LuxOr questo litigio col tempo 🙂
    ci ha detto che siamo tutti vecchi!!! ah ah! (che poi esser vecchi è tutto vissuto, vuoi mettere?)
    Buona notte, figliuoli/e

    • LuxOr ha detto:

      Noo, ci mancherebbe. Siete tutti giovanissimi. Dicevo di me stesso. Nel 1990 avevo..ehm… l’età del dipinto? Però mi divertivo molto.

      • erospea ha detto:

        quindi, adesso, a occhio e croce sono almeno 150 anni
        mentalmente e a fiato te li porti bene se riesci ancora a scrivere cose senza punteggiatura 🙂
        notte, vecchio LuxOr
        alla prossima età

      • LuxOr ha detto:

        Sì, in effetti penso che l’assenza di punteggiatura sia proprio la conseguenza della senescenza… eh?
        Buonanotte giovane Dora

  5. lilasmile ha detto:

    Che ti devo dire Dora!!! Siamo gente che ha una certa esperienza e un certo fascino del vissuto altro che vecchi!!! Dobbiamo fare la rivoluzione… ah ah!

  6. gelsobianco ha detto:

    Bella, divertente, con un’audacia che mi piace
    Quel “palpare”… Parola questa che dà proprio la sensazione del p a l p a r e
    Voglio scoprirti di più.
    Lo farò con piacere.
    Ora vado a dormire, eh sì.
    Notte buona con e per te, LuxOr
    🙂
    gb

  7. The Basic 8 ha detto:

    Mi piace.

  8. alessialia ha detto:

    ahah! hai descritto delle sensazioni di un re che non esiste… o sei tu! che bravo sei oh!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.