Non se davvero

Sento il fiotto dell’ansia
e mi frantuma da dentro
Deforma i tratti
e di solco in solco
affossa rughe
declina fobie
Non se davvero
ritorna a tratti il dono
di quello che ero
Il male rilascia un sapore
emerso da poco
di vuoto da sempre
E da memoria a memoria
non serve celebrare
nel dì di una morte
se poi riprendi
a ignorare

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Bolla d'Eridano, Poesia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Non se davvero

  1. poiésis ha detto:

    L’ha ribloggato su Poiesis.

  2. silviadeangelis40d ha detto:

    Immagini d’intensa interiorità, intinte in un dire poetico notevole, nei suoi toni originali
    Poesia molto apprezzata
    Un saluto,silvia

    • LuxOr ha detto:

      Gentilissima, molte grazie. Una poesia nata di getto mentre ero sull’autobus affiorata alla mente come sintesi di emozioni e dolori relativi a un bruttissimo momento della mia vita. Un caro saluto.

  3. lilasmile ha detto:

    leggo dal commento a Silvia. Dolore dunque…ma poi mutato? …

  4. ceciliagattullo ha detto:

    Poesia molto intensa. Io poeta non sono ma amo tutto ciò che crea emozioni.
    Qui di emozioni ce ne sono davvero molte.
    Un saluto
    Cecilia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...