Paesaggio

Frammenti di boschi arsi, aridi colli
Distante marciume nella putredine
Memorie di rivi allegri tra valli
Vomito di cessi, lezzo di resine

Monti d’avanzi, nubi di metalli
Tacciono i nostri volti senza immagine
I corpi lontani laggiù nei calli
Piogge di acidi, gorgogli di ruggine

Un sole che uccide, radiografie
sulla pelle, sugli occhi, senza lastre
carcasse putrefatte per le vie

Di notte luminosità bluastre
Perché piango? Ho ancora cose mie:
l’auto, la tivù, il mare e le giostre

Questa voce è stata pubblicata in Corpi estranei, Poesia, Prima voce e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.