Nimium ne crede colori

A volte i riflessi della luce disegnano altri volti, espressioni inusuali che affiorano straniando l’immagine del visto svanendo alla prima variazione di luce ma ormai immortalate nel solco profondo dell’anima e non sai se è colore colato dal tuo tessuto o solo allucinazione disegnata e impressionatasi sui muti occhi di passaggio che incroci salendo gradinate di selce rubata alle montagne o sulle mani dei mendicanti che ignori ma che ti toccano per sempre fino al giorno della fine delle forme quando i tagli sulle tele saranno unica certezza da preservare come prova dell’atto, concetto spaziale, gesto voluto per disconnettere, scollare, tagliare la narrazione del mondo. Non accettare questa storia se nella folla brulicante nel viavai intermittente nell’abbaglio del luccichio della tangenziale sprofondata nell’orizzonte perduta tra ecchimosi nebbiose e fatue colline colorate per sbaglio dal bluff della purezza non si alza nemmeno un urlo. Se almeno la merda fosse un valore aggiunto. Ma è solo evacuazione, bisogno incontinente di appellarsi ai contenuti. Fosse invece forma d’artista da inscatolare e vendere come soprammobile da ammirare. Fosse colore debordante dal suo disegno, caduto dal suo maglione, qualcosa da poter collezionare a peso. Saluteresti quei volti chiedendo forse: di che colore sei, stamani?

Questa voce è stata pubblicata in Racconti, Vascolari arpese e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Nimium ne crede colori

  1. metrovampe ha detto:

    Credo che a quel punto l’unica storia da accettare sarebbe la propria. Il flusso fa un pò sbandare ma aggiunge un filtro sfocato assai adeguato. Bel pezzo!

  2. LuxOr ha detto:

    E’ vero. Infatti non riesco a vedere un percorso preciso. Dovrei lavorarci di più. Ma sono flash, immagini che non sono ben definite neppure nella mia testa. Grazie, sei gentilissimo.

  3. silviadeangelis40d ha detto:

    La nostra mente, con la sua esperienza ed espressività, riesce a vedere sfumature e riflessi che
    dànno un diverso senso alla realtà di tutti, rendendola personalizzata, e accattivante, a seconda delle esigenze di vita di quell’attimo di respiro.
    Brano molto apprezzato
    Buon pomeriggio Luxor, silvia

    • LuxOr ha detto:

      Sei andata a “ripescare” le mie vecchie locuzioni latine. Sono passati ormai dieci anni da quando le pubblicai e quasi non me ne ricordavo più. Grazie a te ho potuto rileggerla. Avevo previsto di scrivere un’intera raccolta ma mi pare di averne scritte solo una dozzina. Mi sembra ieri e invece… Grazie infinite per la tua lettura e il tuo commento. Buona notte carissima Silvia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.